Posizioni yoga in piedi

 

 

Lo yoga offre tante classi di posizioni. Le posizioni yogiche sono chiamate Asana e mirano a rinforzare e purificare tutto il corpo e a calmare la mente. Le varie classi di posizioni di yoga hanno effetti differenti e funzioni diverse. 

LE POSIZIONI YOGA IN PIEDI: YOGA E AZIONE 

Le posizioni yoga o asana in Piedi sono modelli posturali yogici che ricoprono un ruolo fondamentale nelle nostre lezioni di Yoga presso il Centro Yoga Luna e Sole Yoga a Castiglione Olona.

Alcune fra le più famose posizioni in piedi sono le seguenti: Tadasana, la posizione della montagna, Virabhadrasana I, II, III ovvero il guerriero I, II e III, Utthita Trikonasana, il triangolo in estensione, Utthita Parsvakonasana, la posizione dell’angolo laterale.
Le  posizioni in  piedi agiscono sul corpo fisico, ma anche sulla nostra energia e sulla nostra psiche. Si dice infatti che ogni posizione yoga influenzi il corpo fisico, il corpo energetico o pranico, la nostra sfera emotiva e la nostra mente.

A livello fisico, le posizioni in piedi sviluppano l’ascolto del proprio corpo, danno energia e coltivano la resistenza. Rinforzano la muscolature della gambe e danno flessibilità a piedi, caviglie, ginocchia e anche. Favoriscono inoltre lo sviluppo dell’equilibrio, soprattutto se eseguite ad occhi chiusi, e permettono di imparare a rendere stabile la zona pelvica.

A livello energetico, le posizioni in piedi offerte nelle nostre lezioni di yoga agiscono sul  primo Chakra, il chakra della radice o Muladhara Chakra, legato all’elemento terra. Agendo su questo centro energico, aumentano la nostra connessione con la terra e ci donano stabilità e radicamento.

Le posizioni in piedi che hanno un coinvolgimento delle anche agiscono anche sul II Chakra Svadhistana e quindi sulla relazione tra noi stessi e gli altri, sulla nostra energia sessuale, sulla nostra identità emozionale e sulla nostra capacità di auto gratificazione.

Le posizioni in piedi in cui troviamo delle aperture del petto agiscono sul IV Chakra Anahata, legato alla capacità di essere empatici, di amare noi stessi e gli altri.

Da un punto di vista ayurvedico (ovvero della medicina tradizionale indiana), sono molto utili per le persone con costituzioni e squilibri di tipo Vata perché, restituendo una profonda connessione con la terra, aiutano a sviluppare la stabilità, la forza e la calma di cui necessitano.

Quasi tutte favoriscono un aumento di Pitta Dosha.

Essendo posizioni stimolanti ed energizzanti sono adatti anche per persone con costituzioni o squilibri di tipo Kapha, in particolare tutte le varianti di Virabhadrasana in cui si enfatizza l’apertura del petto, che è la regione del corpo in cui Kapha si accumula.

By |2020-02-17T16:50:04+01:0017 Febbraio, 2020|Approfondimenti|0 Commenti
Apri la chat
Vuoi maggiori informazioni?